ALTRE PROSPETTIVE

ALTRE PROSPETTIVE

 

E’ nella dimensione del racconto che si rivela il vero senso della condivisione, dove il dialogo tra la singolarità di ciascuno e la diversità dell’altro permettono una migliore comprensione dell’identità personale e culturale. Noi siamo la nostra storia passata, quella personale e quella del nostro gruppo: la nostra identità può essere resa attraverso il racconto che facciamo di noi stessi, della nostra vita e di parti rilevanti e significative di essa. Le storie sono i mezzi attraverso cui possiamo rivelare noi stessi e il nostro mondo agli altri. Abbiamo aderito al progetto “Altre prospettive”, che la cooperativa sociale “Gli altri” ha portato avanti grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, con la pubblicazione di una piccola raccolta di racconti dal titolo: “Eravamo felici, non ci mancava nulla”. Questo è il filo conduttore che unisce un po’ tutti i nostri ricordi. Quando eravamo bambini non avevamo l’acqua in casa: per bere si doveva andare a prenderla alla fontana del paese. Per lavare i panni s’andava al pozzo. Nelle abitazioni non c’era neppure la corrente elettrica: quando faceva buio si accendevano le candele. Non c’era la lavatrice: il bucato veniva fatto nella conca, con la cenere. I giocattoli erano molto semplici, il più delle volte dovevamo inventarli: arco e frecce con le stecche di un ombrello rotto, per fucile un manico di scopa, il pallone con le gomme delle camere d’aria della bicicletta. Non c’erano soldi; a quei tempi, per comprare giocattoli ma noi eravamo ugualmente felici.
Durante i nostri laboratori di scrittura siamo stati coadiuvati da Gianni Cascone che ringraziamo per aver curato la quarta di copertina. Se questo libro ha potuto vedere la luce è anche merito di Gianni che ci ha incoraggiato e ha risvegliato in noi la voglia di scrivere e raccontarci. Ringraziamo Federico Pagliai che ha letto in anteprima i racconti e ha scritto la prefazione.
La memoria è come un teatro, un luogo nel quale si prende visione di immagini. In questo teatro fatto di immagini e di ricordi, narrando le nostre storie, ci riproponiamo attori nel presente. Non abbiamo narrato la nostra storia in ordine cronologico, abbiamo lasciato che i ricordi affiorassero, giorno dopo giorno. Siamo riusciti a fare anche una bella raccolta di fotografie e, in alcuni casi, è stato possibile ricostruire anche attraverso le immagini la nostra storia. Un progetto che ci ha impegnato parecchio ma ci è piaciuto e non abbiamo nessuna intenzione di concluderlo con questa pubblicazione: speriamo che ne seguiranno molte altre.
La presentazione del progetto, che riguarda tutte le aree di cui si occupa la cooperativa sociale “Gli Altri”, avverrà presso il Centro Culturale Funaro a Pistoia, sabato 6 ottobre alle ore 16.00.
Dopo l’area infanzia e minori seguiremo noi con le nostre storie, le abbiamo scritte con il cuore, speriamo possano appassionarvi. Siamo convinti che nel libro, da qualche parte, ci sia una frase scritta apposta per voi.

 

Animatrice RSA Cantagrillo

Chiara Manzini

 

 

  • Iscriviti alla nostra Newsletter